Vivere la fotografia a Roma

Archivio Bellosguardo - fotografie di famiglia e produzione contemporanea

  • Autore: Alessandro Coco, Valerio Morreale, Nunzia Pallante, Mattia Panunzio, Sarah Wiedmann
  • Curatore: Alessandro Imbriaco
  • Data Inizio: 08.11.2019
  • Data Fine: 20.12.2019
  • Dove: Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione
  • Indirizzo: Via di San Michele, 18
  • Orari: lunedì - venerdì 10.00-18.00
  • Ingresso: libero
  • Tel. / Mob.: 0658552240
  • E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Descrizione Evento:

     

    Archivio Bellosguardo, fotografie di famiglia è una sezione della mostra realizzata con una selezione di 122 originali dalle 5000 fotografie fin qui digitalizzate

    Archivio Bellosguardo, produzione contemporanea  raccoglie i risultati delle residenze degli autori invitati: Alessandro Coco, Valerio Morreale, Nunzia Pallante, Mattia Panunzio e Sarah Wiedmann

     

    Valorizzare la fotografia – anche quella vernacolare - come patrimonio culturale e memoria collettiva, rileggere il territorio e attivare processi di rigenerazione: questi gli obiettivi di “Archivio Bellosguardo”.

    Il progetto nasce dalla collaborazione tra l’ICCD, il Comune di Bellosguardo, l’associazione “Rehub Alburni” e il fotografo Alessandro Imbriaco, ideatore del progetto, ed è stato presentato a Bellosguardo, con due mostre e una proiezione che ne hanno restituito i primi risultati: da un lato una selezione delle fotografie di famiglia raccolte grazie al coinvolgimento della comunità, dall’altro la serie di fotografie dei cinque giovani autori coinvolti, che restituiscono nuovi sguardi sul territorio.

      

    Il Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano

    è stato istituito nel 1991 e dal 1998 è Patrimonio dell’UNESCO. E’ il secondo parco nazionale italiano per estensione territoriale (oltre 180.000 ettari) e occupa un tratto di territorio che dalla costa tirrenica tocca l’appennino campano-lucano. E’ caratterizzato da una grande varietà geologica e naturalistica e da emergenze monumentali di grande interesse storico quali i siti archeologici di Paestum, Velia e la Certosa di Padula. All’interno del Parco sono presenti 80 Comuni, 8 comunità montane e diverse località marittime. Il progetto Progetto per un Archivio Fotografico del Parco Nazionale del Cilento, del Vallo di Diano e Alburni intende promuovere e diffondere il patrimonio storico e naturalistico di questo straordinario contesto attraverso la costituzione di un Archivio fotografico. Sotto tale titolazione sono inclusi due progetti; la raccolta e digitalizzazione di fotografie di famiglia conservate presso le abitazioni dei cittadini e la progettazione ed esecuzione sul territorio di campagne fotografiche contemporanee.

    L'Archivio fotografico del Parco

    un archivio diffuso sul territorio

    Dopo aver verificato come sul territorio del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Eburni non esistano archivi fotografici attraverso i quali ritessere la storia del territorio e delle sue comunità e che le fotografie di famiglia non siano state riconosciute come prioritario strumento di comprensione della società e non abbiano ancora ricevuto l’attenzione necessaria alla loro conservazione si propone di istituire un Archivio fotografico del Parco. L’archivio ha come obbiettivo la salvaguardia e valorizzazione di un patrimonio tanto sommerso quanto prezioso che sembra sempre più minacciato dalla dispersione delle fotografie, inarrestabile anche a causa del rapido e progressivo spopolamento dell’area. Tramite l’istituzione di un Archivio fotografico che coordini le operazioni di raccolta e digitalizzazione delle stampe fotografiche, e la loro restituzione in formato digitale alle famiglie che vorranno parteciparvi prestando le proprie fotografie, il Parco potrà avvalersi di una documentazione visiva di estrema rilevanza per comprendere pratiche e abitudini delle popolazioni tra passato e presente; avrà inoltre una immagine di contesti naturali che, nel corso di oltre un secolo, hanno mutato la propria conformazione.

    Le campagne fotografiche

    Una parte importante del progetto Archivio riguarda l’esecuzione di campagne fotografiche tese alla registrazione visiva del territorio di pertinenza dei vari Comuni di volta in volta coinvolti. Le campagne fotografiche sono coordinate da un curatore e realizzate da uno o più fotografi di sua scelta che lavoreranno in autonomia seppur dentro la cornice del progetto. I risultati del lavoro entreranno a fare parte dell’Archivio in forma digitale; al contempo le stampe fotografiche saranno esposte in una mostra da tenersi sul territorio di esecuzione delle fotografie e in musei e/o gallerie d’arte contemporanea collocati esternamente al Parco.