Mercoledì, 09 Settembre 2020 06:12

Hic et Nunc - Visioni Future

Written by
Vota questo articolo
(0 Voti)

dal 10.09.2020 al 13.09.2020

Incinque Open Art Monti

  • Autore: Laura Amato, Alessandro Arrigo, Daniela di Lullo, Mario Glover, Ezia Mitolo, ReBarbus
  • Curatore: Monica Cecchini
  • Data Inizio: 10.09.2020
  • Data Fine: 13.09.2020
  • Dove: Incinque Open Art Monti
  • Indirizzo: Via della Madonna dei Monti, 69
  • Ingresso: libero
  • Tel. / Mob.: 349 261 8428
  • E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Descrizione Evento:

     

    Incinque Open Art Monti ha condiviso durante il lockdown emozioni e progetti con alcuni artisti. Divo C nasce proprio ad aprile, insieme ad alcuni di loro, con la speranza di poter tornare ad esporre in galleria e condividere con gli altri l’amore per l’arte. Monica Cecchini curatrice della mostra ha invitato
    Laura Amato, Alessandro Arrigo, Daniela di Lullo, Mario Glover, Ezia Mitolo e ReBarbus per esporre la propria visione rispetto alla tematica di Hic et Nunc. In esposizione opere di pittura, foto-illustrazioni e collage.
    Per Info 
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Laura Amato
    La sua evoluzione come pittrice si deve alla fusione interiore di studi e passione per l’arte combinato con l’innata creatività ed il desiderio di raccontarsi.
    La sua ricerca artistica si focalizza nell’esigenza di comunicare attraverso l’espressività del corpo: sensibilità affinata nei tanti anni dedicati allo studio della danza classica che si trasforma nella scelta di fare del proprio corpo il medium perfetto per stendere il colore, in una tecnica che è diretta espressione dell’istinto che muove l’artista.
    Colori vividi per comunicare emozioni intime, senza uso del pennello, solo il suo corpo a dare forma alle figure umane delle composizioni: il corpo ricoperto di colore diventa pennello per trasferire emozioni e sensazioni imprimendosi sulla tela in una azione performativa. L’artista si fonde così in modo viscerale con la creazione. Il suo stile si distinge per l’uso di vari media che includono i colori acrilici il collage e l’assemblage.
    La particolare cura nella selezione dei materiali utilizzati diventa parte integrante delle sue opere: corallo, cristalli, sete, piume sono solo alcuni dei materiali più disparati che si fondono intorno alle figure nella composizione artistica. Come frammenti di un puzzle, questi piccoli oggetti si raccontano nel loro simbolismo, diventando fondamentali per la decodifica delle tematiche introspettive rappresentate e, al contempo, con la loro intrusione tridimensionale, ancorano al mondo reale la visione artistica.
    Oltre a Roma, dove Laura Amato vive e lavora, le sue opere sono state recentemente esposte in mostre personali e collettive in musei e gallerie d’arte nazionali ed internazionali, come a Seoul con la Société des Artistes Indépendants di Parigi, a Zurigo, Basilea,Montecarlo, New York, Miami.
    Alessandro ARRIGO
    Grafico e Illustratore lavora nel mondo della comunicazione come creativo. Ha collaborato fra gli altri con RAI, tin.it- telecom Italia, Virgilio, Action Aid, Studiare Sviluppo, AIFA - Agenzia del farmaco Italiana, Assoimmobiliare , Agenzia della Coesione Territoriale, Ministero dello Sviluppo Economico, Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare. Per l’Atelier del Granaio ha realizzato delle stanze d’autore per Alberghi e b&b d’arte, dove alcune sue illustrazioni sono diventate lampade e oggetti d’arredo. Collabora stabilmente con musicisti e scrittori realizzando le copertine dei loro lavori.
    Per Divo C presenterà una piccola parte del Progetto InAttesa
    “ Quanto vale un’’attesa ? Forse il problema non è quanto devi attendere ma cosa o chi aspettare. Il progetto “InAttesa” di Alessandro Arrigo raccontano questo momento. Fotografie in bianco e nero o a colori sfumati che sembrano cristallizzare il momento in cui sono state realizzate e che fanno da sfondo a delle illustrazioni ferme che stazionano in qualche modo in questo universo, ma potrebbero essere parte di uno spazio tempo diverso da quello che stiamo vivendo. Il "Qui e Ora” dilatato nel tempo di un’attesa, I lavori di Arrigo sono piccoli momenti di riflessione poetica sul mondo che lo circonda. Il passaggio dalle illustrazioni bidimensionali a quelle tridimensionali per poi unirle alla fotografia, sono il coronamento dell’autore di una percorso divenuto una vera e propria trilogia che raccoglie le molteplici sfaccettature della sua creatività. “
    Daniela Di Lullo (Napoli) svolge i suoi studi al Dams Arte di Palermo, dove nel 2005 ha conseguito la laurea magistrale. Nel 2009 si abilita in Disegno e storia dell’arte. Partecipa al progetto The school of Narrative dance di Marinella Senatore a Roma, New York e Venezia.
    Nel 2018 è finalista dell’ Emerging Talents//Mattatoio Roma; vincitrice del CascinaFarsettiArt 2018
    – Altre Visioni; nel 2019 è tra i finalisti del Miami New Media Festival - Identity: The new frontier – ed espone un suo video al Macro Museo d’arte contemporanea di Roma; vincitrice di A mano libera – Galleria Incinque Open Art Monti – Roma; nel 2020 è finalista del 14° Premio ARTE
    LAGUNA e Artista Segnalata dalla giuria del 11° PREMIO COMBAT PRIZE 2020.
    Nei suoi dipinti collega i tradizionali motivi iconografici con ricordi personali e un linguaggio visivo collettivo di estetica contemporanea, delineando storie che, pur riferendosi a un patrimonio
    culturale condiviso, rimangono sia aperte che ambigue.
    STATEMENT
    Nella mia ricerca metto in relazione i motivi iconografici tradizionali con ricordi e vissuti personali in
    un immaginario legato all'estetica contemporanea, delineando racconti che, pur rifacendosi a un
    patrimonio culturale condiviso, si mantengono aperti e ambigui.
    Sono guidata nella scelta dei soggetti dall’immedesimazione emotiva, attraverso la quale intesso
    legami tra le mie esperienze private e i temi classici della storia dell'arte, nel tentativo di dare forma
    al mio presente. Sulla tela accosto immagini provenienti da questi mondi facendo emergere nuove
    analogie tra temi distanti. Ne risulta una narrazione frammentaria, un racconto familiare ma
    enigmatico, permeato da un'atmosfera talvolta irreale.
    Mario Glover 
    Mario Glover nasce a Roma nel 1962. Vive e lavora a Frascati
    Da sempre amante dell’arte. Difatti già da bambino frequenta la “bottega” di famiglia, celebre negozio di antiquariato inaugurato nel 1887 dal suo bisnonno a via di Ripetta, trasferitosi successivamente nella prestigiosa Piazza di Spagna. In quel contesto la sua passione per l’arte viene incrementata e supportata dalla madre, che affianca la sua attività di antiquaria a quella di organizzatrice di Aste di rilievo. 
    Il suo talento viene premiato, tanto che già a 17 anni è in grado di fare accurate valutazioni di opere importanti, mentre approfondisce gli studi attraverso la frequentazione del Liceo Artistico – La Mole Adriana, succursale della storica scuola di Via di Ripetta.
    Dal 1991, dopo la chiusura dell’attività di famiglia, apre a Frascati un suo spazio dove rimane per anni fino al 2015. Il suo lavoro introspettivo, lo porta a sperimentare le proprie doti innate e con un mix di creatività e cultura, da antiquario “esplode” come pittore attraverso sperimentazioni di vario tipo.
    Ezia Mitolo
    Scultrice di formazione, è stata allieva dei maestri Francesco Somaini e Nicola Carrino all’Accademia delle Belle Arti di Bari, ottenendo sin dagli inizi della sua carriera numerosi riconoscimenti: selezionata per il Corso Superiore di Disegno nel 1989, e successivamente nel 1994, è a colloquio con la grande scuola alla Fondazione Antonio Ratti di Como dove studia con Arnulf Rainer, George Baselitz, Karel Appel e Anish Kapoor, e vince il Primo Premio Acquisto in entrambe le edizioni.
    Questo anche al concorso Una pinacoteca a Casamicciola Terme, Ischia.
    Nel 1998 invitata alla rassegna d’arte contemporanea Art&Maggio Arena Puglia, ottiene il Primo Premio Sezione Giovani e realizza la sua prima personale a Milano, dove si trasferisce a vivere. Negli anni partecipa a mostre in gallerie private anche all’estero, come ad Alberta in Canada, e a numerosi eventi in istituzioni e musei, tra gli altri presso la Fondazione Bevilacqua La Masa a Venezia in occasione della 46^ Biennale d'Arte e poi nel Palazzo Reale di Napoli per la XIV Quadriennale di Roma.
    Dal 2003 sposta il suo studio a Roma, approfondendo la ricerca artistica e sperimentando nuove tecniche
    multimediali, spaziando dalle installazioni scultoree al disegno, dalla fotografia al video, alla videoperformance, fino a progetti d’interazione con il pubblico. Così avvia la collaborazione con la rivista Drome Magazine e prende parte a diversi eventi multimediali come Download.fr/it a Roma e a Parigi. Aderisce ai progetti degli artisti Pablo Echaurren & Alexander Jakhnagiev e successivamente di Casaluce-Geiger esponendo all’Atelier Augarten, Galerie Belvedere di Vienna e anni dopo, a Praga.
    Contemporaneamente si dedica a Laboratori Didattici sperimentali nell’ambito scolastico, e in rassegne festival, sui temi del corpo e dell’identità. Nel 2007 si specializza all’Accademia delle Belle Arti di Macerata e sceglie di tornare in Puglia, a Taranto, contribuendo con la sua attività d’artista alla sensibilizzazione sociale riguardo ai problemi ambientali della città. Qui nel 2009 progetta per gli scrittori Niccolò Ammaniti, Marco Mancassola e il fumettista Gipi installazioni scenografiche nel Teatro Bellarmino per la rassegna letteraria Penne a Sonagli. Tra il 2011 e il 2014 è presente a Edimburgo per l’Edinburgh Art Festival e le due collettive M&P + Apulian Aliens. Foreign Bodies e Italia Moderna – New Culture In The Flat promosse dall’Istituto Italiano di Cultura.
    Negli stessi anni attiva le collaborazioni con la Festa del Cinema del Reale di Specchia e con diverse gallerie della rete pugliese, continuando a realizzare importanti esposizioni. Nel 2015 e 2016 è presente in fiere d’arte a Bologna e Torino ed espone presso il Museo Archeologico MArTa che le dedica un focus sul suo lavoro. Nel 2016 inoltre entra a far parte dell’Archivio Italiano dell’Autoritratto Fotografico Musinf di Senigallia. Oltre ad altre numerose partecipazioni, nel 2017 allestisce due personali e torna ad Edimburgo per Italia Moderna - Reload 017. Nel 2018 firma un’opera in permanenza al MAAM-Museo dell'Altro e dell'Altrove di Metropoliz a Roma, ed espone presso la Biblioteca Vallicelliana e nelle Scuderie Aldobrandini e Mura del Valadier di Frascati. Nel dicembre del 2018 pubblica il suo primo libro di poesie e disegni FRANGE.disegni parlati. Nel mese di maggio 2019 è pubblicata la seconda edizione di FRANGE.disegni parlati ed è ospitata a Los Angeles, Santa Monica nell’Arena 1 Gallery per la collettiva Between Two Seas, Italian Contemporary Artist from Apulia, un progetto del MAAAC, Museo Archeologico Medievale di Cisternino. Nello stesso anno espone al Pan, Palazzo delle Arti di Napoli per Artperforming Festival e nel Museo Nuova Era di Bari, realizza la prima mostra personale del progetto editoriale Frange.Disegni parlati. Rientrata in Puglia attualmente lavora nel suo studio-archivio di Taranto. Ha pubblicato disegni, fotografie e contributi, tra gli altri, per il Collage de ‘Pataphysique, le edizioni Pulcinoelefante e in altre riviste e libri: Il cadavere squisito beve vino novello, omaggio a Edoardo Sanguineti, a cura di Tania Lorandi, Ediland Edizioni, 2010; Dal museum theatre al digital storytelling. Nuove forme della comunicazione museale frateatro, multimedialità e narrazione, a cura di Lucia Cataldo, ed. Franco Angeli, 2011; UT - Rivista bimestrale d'arte e fatti culturali, Ediland Edizioni, 2012; Il corpo solitario. L’autoscatto nella fotografia contemporanea, a cura di Giorgio Bonomi, Rubbettino Editore, 2016. Sue poesie sono contenute nelle tre antologiche Amori liquidi, Le due facce della luna e Le Ali di Edita Casa Editrice & Libraria.
Read 115 times Ultima modifica il Lunedì, 14 Settembre 2020 21:21