Gerry Johansson. At home in Sweden, Germany and America

  • Autore: Gerry Johansson
  • Curatore: Stefania Rössl, Massimo Sordi
  • Data Inizio: 02.10.2020
  • Data Fine: 30.10.2020
  • Dove: Officine Fotografiche
  • Indirizzo: Via Giuseppe Libetta, 1
  • Orari: lunedì - venerdì 10.00-13.00 / 16.00 – 19.00
  • Ingresso: libero per i soci, su prenotazione
  • Tel. / Mob.: 06 97274721
  • E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Descrizione Evento:

     

    Apre al pubblico il 2 ottobre 2020 alle 18.30, presso Officine Fotografiche Roma, la mostra At home in Sweden, Germany and America del fotografo svedese Gerry Johansson che riunisce 60 fotografie tratte dalla nota trilogia Amerika (1998), Sverige (2005) e Deutschland (2012).

    La mostra, a cura di Stefania Rössl e Massimo Sordi, è parte dell’iniziativa “Uno sguardo sul paesaggio contemporaneo” realizzata con il contributo della Regione Lazio ed in collaborazione con OMNE – Osservatorio Mobile Nord Est.

    Realizzate nel corso di vent’anni di campagne fotografiche condotte in America, Svezia e Germania, le fotografie esposte propongono una selezione di paesaggi urbani che ritraggono cittadine di medie dimensioni. Pur appartenendo a luoghi geograficamente distanti, le immagini possiedono la capacità di restituire i frammenti di un universo che trova il modo di ricomporsi attraverso la dimensione autoriale del fotografo svedese, esse trasmettono un valore iconico e invitano l’osservatore a decifrare, attraverso ogni singolo dettaglio, la visione d’insieme che avvicina al presente.

    Così il paesaggio contemporaneo, che sempre più spesso ostenta una contaminazione di elementi di natura globale innestati accidentalmente in ambito locale, si offre allo sguardo mostrando confini sempre più labili e l’esistenza di architetture che sembrano vivere nell’impassibilità della loro stessa esistenza. Se ‘la mappa non è il territorio’ ma offre possibilità illimitate di esplorazione, i paesaggi raffigurati da Johansson sono pronti a comunicare semplicemente l’autenticità di ciò che sono.

    Senza sovrastrutture, le città, i paesi, le strade, le case, le vetrine, gli edifici pubblici, le costruzioni industriali, gli ambiti urbani e rurali, soggetti amati e ricorrenti nei paesaggi antropizzati ritratti, grazie all’atto del guardare sono democraticamente elencati e organizzati all’interno del formato quadrato delle fotografie.

    L’uso del bianco e nero dai toni morbidi che, come un rituale, Johansson sviluppa e stampa personalmente in camera oscura assieme alla composizione precisa di ogni fotografia sembrano voler suggerire, nella loro combinazione, il desiderio di superamento della dimensione soggettiva dell’immagine pronta a svelare i molteplici aspetti del paesaggio contemporaneo.

    In occasione della mostra è stato pubblicato l’omonimo libro At home in Sweden, Germany and America (Tiraboooks, Svezia 2020) che raccoglie venti fotografie inedite tratte dalla trilogia di Gerry Johansson Sverige, Deutschland e Amerika. A cura di Stefania Rössl e Massimo Sordi, con il progetto grafico di Damiano Fraccaro, il volume è stato prodotto con il supporto di Spazio Labo’, Officine Fotografiche Roma, Otium e il Circolo fotografico El Paveion.

    La mostra è stata organizzata la prima volta in Italia nell’ambito del progetto OMNE – Osservatorio Mobile Nord Est in collaborazione con: Alma Mater Studiorum / Università di Bologna / Dipartimento di Architettura, Spazio HEA, Otium Studio, Circolo Fotografico El Paveion.

     

    Gerry Johansson

    Nato a Örebro nel 1945, vive a Höganäs in Svezia dal 1969. Si forma come grafico alla Scuola di Design e Artigianato di Göteborg in Svezia. Insieme a Yngve Neglin, Jan Olsheden e Werner Noll fonda nel 1972 la casa editrice Fyra Förläggare AB che successivamente lascerà per lavorare come fotografo indipendente. Nel 1995 pubblica Amerikabilder. Fotografa su commissione per i progetti Japan Today nell’isola di Shikoku (1999) e Dronning Maud Land in Antartide, le fotografie realizzate saranno esposte al Museum of Modern Art di Stoccolma nel 2003.

    Riceve una borsa di studio dall’Istituto Svedese per fotografare Tokyo nell’inverno del 2004.

    Il progetto Deutschland (Mack, 2012), che lo consacra in ambito internazionale come uno dei più importanti fotografi contemporanei chiude la trilogia iniziata con America (1998) e Sverige (2005). Tra le pubblicazioni più recenti si ricordano Tokyo (Only Photography, 2016), American Winter (Mack, 2018), America Revised (Only Photography, 2018), At Home in Sweden, Germany and America (Tirabooks, 2020), e Meloni Meloni (Johansson and Jansson, 2020). Gerry Johansson è rappresentato da GunGallery di Stoccolma.