Guido Strazza. Il segno e la luce

  • Autore: ---
  • Curatore: Luisa De Marinis, Simona Turco
  • Data Inizio: 24.02.2021
  • Data Fine: 26.05.2021
  • Dove: Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione
  • Indirizzo: Via di San Michele, 18
  • Orari: lunedì - venerdì 10.00-18.00
  • Ingresso: libero
  • Tel. / Mob.: 0658552240
  • E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Descrizione Evento:

     

    È stata allestita presso la ex Chiesa delle Zitelle, spazio espositivo dell’ICCD situato in via di San Michele 18 a Roma, la mostra Guido Strazza Il segno e la luce a cura di Luisa De Marinis e Simona Turco.

    La mostra è dedicata all’archivio fotografico di Strazza, pittore e incisore nato negli anni Venti. Formatosi con alcuni autorevoli esponenti delle avanguardie italiane, ha vissuto e condiviso esperienze salienti con gli artisti che hanno segnato la cultura italiana e internazionale del secondo Novecento. Un artista straordinario che con la sua arte ha attraversato un intero secolo, fino ai giorni nostri.

    L’ICCD ha deciso di raccontare in anteprima sui suoi canali social - facebookinstagram e twitter - alcuni retroscena raccolti in un anno di lavoro e preparativi. Immagini, aneddoti, approfondimenti sulle procedure di lavorazione e sugli allestimenti, e ancora, curiosità che emergono dall’archivio e racconti dei protagonisti.

    Si tratta di un’operazione del tutto inedita per l’Istituto, una mostra che mira a raccontare attraverso la fotografia, protagonista di questa narrazione, i fatti intimi della vita e dell’opera del Maestro attraverso la presentazione dei materiali del suo archivio.

    Nella giornata del 21 dicembre 2020, in occasione del novantottesimo compleanno di Guido Strazza, la Galleria Nazionale ha organizzato un incontro per ripercorrere in compagnia dell’artista alcuni momenti fondamentali della sua carriera artistica a cui partecipano, tra gli altri il Direttore dell’ICCD Carlo Birrozzi e Luisa De Marinis.