IstantaneaMente

dal 26.09.2022 al 02.10.2022

Caffè Letterario

  • Autore: AAVV
  • Data Inizio: 26.09.2022
  • Data Fine: 02.10.2022
  • Dove: Caffè Letterario
  • Indirizzo: Via Ostiense, 95
  • Orari: tutti i giorni 09-02
  • Ingresso: libero
  • Tel. / Mob.: 06 57302842
  • E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Descrizione Evento:

     

    Dal 26 settembre al 2 ottobre 2022 prende il via il primo Festival della Salute mentale RO.MENS, organizzato dal Dipartimento di Salute Mentale Asl RM 2, con il patrocinio di Roma Capitale e RAI, sette giorni di musica, cinema, mostre, sport, cultura e teatro.
    All’interno della manifestazione sempre dal 26 settembre al 2 ottobre si terrà a Roma la mostra fotografica IstantaneaMente presso il Caffè Letterario in via Ostiense 95.
    Un’iniziativa di promozione sulla Salute Mentale contro il pregiudizio e lo stigma verso le persone con disagio mentale per l’inclusione sociale, in cui la fotografia è stata scelta come uno degli elementi espressivi per veicolare emozioni ed emozionare e trasmettere informazioni capaci di permettere alle persone di rinnovare le proprie idee.
    L’inaugurazione della mostra è prevista martedì 27 settembre alle ore 18.30 con la partecipazione straordinaria dell’attrice Cinzia Leone e del fotografo Daniele Napolitano, a cui si uniranno tanti altri Autori.
    Si tratta di un lavoro fotografico collettivo che si delinea lungo la prospettiva in cui lo sguardo di chi attraversa la mostra, potrà assorbire il punto di vista dell’autore in tema di salute mentale, e avere la possibilità di farsi un’idea, un concetto, su cosa significa salute mentale, inclusione e pregiudizio e stigma, attraverso una mappa visiva e concettuale mediata dalle foto.
    Il caffè letterario ospiterà oltre la mostra fotografica IstantaneaMente anche una mostra di pittura, e sarà possibile vedere e fotografare il simbolo del Festival, ovvero una statua di un cavallo denominata Cavallo di SanBA, realizzata dagli ospiti di una delle comunità terapeutiche del Dipartimento, che parafrasando il simbolo di libertà dei pazienti del manicomio di San Giovanni di Trieste, vuole rilanciare lo stesso messaggio di libertà e partecipazione.